mercoledì, Aprile 24

Maxi tamponamento sulla A1:

Un vasto tamponamento a catena ha colpito la A1 Milano-Napoli, con almeno 30 automobili coinvolte in una serie di incidenti causati dalla presenza di nebbia e visibilità ridotta.

Questa catena di incidenti ha portato all’interruzione del tratto autostradale tra Piacenza e Parma. Due persone hanno riportato ferite gravi, mentre altre 15 sono state ferite in modo lieve.

Il tamponamento è avvenuto all’altezza di Alseno, nella provincia di Piacenza, tra i chilometri 80 e 85 in direzione Bologna. Almeno due delle persone coinvolte hanno subito ferite gravi, richiedendo il pronto intervento del servizio di emergenza 118 e dei vigili del fuoco da Piacenza e Fiorenzuola.

Altri incidenti si sono verificati in mattinata sulla A22 tra Verona e Modena, e sulla A26 tra Alessandria e Casale. Il traffico si è intensificato anche sul tratto della A1 tra Piacenza e Parma, con numerose persone che hanno tentato di raggiungere l’autogrill per ottenere assistenza e informazioni.

Il personale dell’autogrill ha riferito che alcuni automobilisti hanno persino deciso di scavalcare per raggiungere i servizi igienici, mentre altri hanno viaggiato contromano per raggiungere il casello di uscita a Fiorenzuola. Alcune persone sono state trasportate in ospedale, e il 118 ha organizzato il trasporto di sacche di sangue sul luogo dell’incidente.

La situazione del traffico è rimasta critica lungo l’autostrada A1, con chiusure in entrambe le direzioni tra Piacenza e Parma. La nebbia ha ridotto la visibilità in queste zone, rendendo il transito pericoloso. La Polizia Stradale e Autostrade per l’Italia hanno collaborato per gestire il traffico e fornire assistenza ai conducenti coinvolti.

Il tratto autostradale in direzione Bologna è rimasto chiuso fino alle 11 del mattino, causando code di traffico che si sono estese fino a sei chilometri prima della chiusura. Altri incidenti si sono verificati in altre zone dell’autostrada, portando ad ulteriori rallentamenti e chiusure temporanee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *